Ricerca immobili

newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle notizie

dal mondo immobiliare.

Bonus prima casa valido anche per successioni o donazioni

29/10/2017

Sempre più spesso capita di sentir parlare di agevolazioni prima casa o Bonus prima casa, legati all'acquisto di una prima casa. Questo, ha fatto passare in secondo piano un importante dettaglio, messo in risalto da una recente sentenza della Corte di Cassazione: la proprietà di una prima casa può essere acquistata anche per successione o per donazione

Quindi, le agevolazioni fiscali riservate alla prima casa, che altro non sono che imposte applicate in misura fissa, possono anche essere utilizzate durante un procedimento che porta una vedova - giusto per citare il caso alla base della sentenza - a diventare unica proprietaria di un immobile, precedentemente posseduto in comproprietà con il marito, o a quello dove un genitore dona la propria casa al figlio, che tecnicamente non ne ha mai posseduta una. 

Vediamo il tutto nel dettaglio. 

Bonus prima casa successioni e donazioni, ecco come averne diritto

La legge prevede che il bonus prima casa per successioni o donazioni, corrispondente all'applicazione dell'imposta ipotecaria in maniera fissa, possa essere applicato nel caso in cui il beneficiario - che ovviamente, non deve essere proprietario di altri immobili considerati prima casa - possieda i seguenti requisiti: 

  • residenza nel territorio del comune dove l'immobile è ubicato, o impegno a trasferirla entro i 18 mesi dall'acquisto; 
  • non essere proprietario esclusivo o in comunione, di altri diritti di proprietà, usufrutto, uso o abitazione di altri immobili, siti sul territorio comunale: 
  • non essere proprietario esclusivo o in comunione, di altri diritti di proprietà, usufrutto, uso o abitazione di altri immobili, siti sul territorio nazionale, e acquistati con le agevolazioni prima casa.

Al pari di quando l'agevolazione prima casa viene richiesta per l'acquisto di un nuovo immobile, anche in questo caso, per potervi accedere bisogna che l'immobile in questione non sia considerato di lusso. E' possibile accedere all'agevolazione in questione, non solo per il trasferimento del diritto di proprietà, ma anche per la nuda proprietà, usufrutto, uso e diritto di abitazione.