Ricerca immobili

newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle notizie

dal mondo immobiliare.

Compravendite immobiliari e l'importanza dell'efficienza energetica

07/07/2017

 

Dopo il censimento biennale pubblicato dall'Agenzia delle Entratein collaborazione con il Ministero dell'Economia, e la ricerca di Tecnoborsa, entrambe tenute sull'andamento del mercato immobiliare italiano, ecco arrivare un terzo studio, a far luce su uno dei fattori alla base delle attuali dinamiche positive del mercato immobiliare italiano:le caratteristiche energetiche degli edifici. La ricerca, effettuata da I-Com (Istituto per la competitività) ed Enea, con la collaborazione della Fiaip (Federazione Italiana degli Agenti Immobiliari Professionisti), ha messo in evidenza come nel 2016 gli immobili a basso consumo energetico siano stati tra i più venduti.

 

Compravendite immobiliari, salgono le vendite delle case a basso consumo energetico

 La ricerca, basata sulle transazioni portate a termine da oltre 500 agenti immobiliari nel 2016, ha messo in luce come, la percentuale di compravendite immobiliari riguardanti edifici appartenenti alle classi energetica A+, A e B sia aumentata del 7% rispetto agli anni precedenti, nonostante le compravendite immobiliari di abitazioni residenziali appartenenti ala classe G siano ancora dominanti

Se da un lato resta critica la situazione degli edifici storici, e degli edifici popolari siti in estrema periferia, vista la difficoltà d'effettuare interventi di adeguamento, dall'altro, migliora la situazione degli immobili nelle zone semi centrali e periferiche è invece migliorata. Poco più dell’11% degli edifici ristrutturati, ricade nelle prime tre classi energetiche, in continuità con l’anno precedente.

In continua crescita la percentuale dei nuovi edifici appartenenti a classe energetica elevata, che sono passati dal 50% del 2015 al 60% del 2016, a conferma dell'acquisita consapevolezza dei vantaggi ambientali ed economici dovuti all'acquisto di una casa di classe energetica elevata.