Ricerca immobili

newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle notizie

dal mondo immobiliare.

CRISI MERCATO IMMOBILIARE IN CAMPANIA -

10/07/2012

Passata la tempesta, s’intravedono spiragli di una lenta ripresa per il mercato immobiliare anche in Campania. La ripresa è comunque legata al varo di nuove misure mirate al carico fiscale e ad una concreta governance dello spread da parte dell’Europa. Nel frattempo, la casa resta sempre il migliore investimento a medio e lungo termine per le famiglie. Soprattutto perché nel Napoletano i prezzi delle abitazioni sono calati tra il 2008, anno d’inizio della crisi economica, ad oggi del 10- 30%, a seconda del loro prestigio, della loro grandezza e del quartiere. Leonardo immobiliare vomeroIl mercato residenziale permane comunque ancora in uno stato d’incertezza e con tempi piuttosto elevati per portare a compimento una transazione, come ha sottolineato il direttore dell’Ufficio provinciale di Napoli dell’Agenzia del territorio, Giovanni Battista Cantisani, intervenuto ieri alla presentazione del listino Quotazioni Immobiliari edito dalla federazione degli agenti immobiliari professionali (Fiaip), dei mediatori d’affari (Fimaa) e realizzato dal gruppo editoriale ilmattone.it. Ciononostante, ha affermato Cantisani, a Napoli e provincia si investe ancora nel mattone, in controtendenza con quanto avviene nelle altre città, a conferma che il ciclo negativo si appresta a terminare. I dati dell’Agenzia rilevano che nel 2011 la zona pregiata, ovvero i quartieri Chiaia-Posillipo, resta quella con la quotazione maggiore, quasi doppia rispetto alla media del centro, seguita a grande distanza dalla zona collinare. In virtù delle riqualificazioni in atto, hanno mantenuto le quotazioni degli immobili ubicati nella periferia orientale, mentre le maggiori compravendite hanno interessato la macroarea del centro storico. Così a Montecalvario, secondo Quotazioni Immobiliari, si spazia dai 5mila euro al mq di piazza Cariati e Leonardo ai 2.400 euro al mq di piazzetta Olivella e di San Nicola da Tolentino; nel quartiere Porto si va dai 4.500 euro al mq di via Depretis ai 5mila e 3.500 rispettivamente di via Medina e via Schilizzi. Ancora alte anche le zone di pregio. A Posillipo, dove c’è abbondanza di appartamenti di grandi dimensioni, i valori di mercato spaziano dagli 8.200 euro al mq di via Sermoneta, via Orazio e via Nevio ai 7.100 di via Petrarca e di piazza San Luigi fino a 5mila euro in via De Bonis, via Pascoli e zona Fatebenefratelli. Prezzi inferiori nel quartiere Avvocata, dove un appartamento si acquista a 3.700 euro nell’area del corso Vittorio Emanuele, piazza Mazzini e nel tratto superiore di via Salvator Rosa, e a Bagnoli con valori di mercato che vanno dalle 2.700 euro al mq di via Acate e via Lavinia fino a 3mila di via Maiuri, piazza Bagnoli e via Ascanio. Sempre nell’area Flegrea, a Fuorigrotta si va dai 2mila euro al mq di via Canzanella Vecchia ai 3.750 di viale Augusto; a Soccavo dai 2.700 euro al mq di via Epomeo e via Piave ai 2.200 di via Croce di Piperno e via Nerva. Non superano, invece, le 2.600 euro al mq le case a Ponticelli, a Secondigliano e a San Giovanni a Teduccio. di Raffaele DesiatoGuarda la FotoCommentaShare