Ricerca immobili

newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle notizie

dal mondo immobiliare.

Domenico De Masi: Il futuro? Ecco come sarà

02/07/2012

Per immaginare e disegnare il futuro, occorre ragionare e intervenire sui principali trend del presente. Domenico De Masi, docente di Sociologia presso La Sapienza di Roma e tra i più autorevoli osservatori delle trasformazioni socio-economiche, mette le vesti di futurologo e traccia lo scenario dei prossimi dieci anni.LongevitàNel 2020 la popolazione mondiale sarà un miliardo in più di oggi. Non si tratta solo di bocche in più, sottolinea Masi, ma anche di cervelli. Sarà possibile vivere fino a 730.000 ore, 30mila in più di oggi. Vivranno più a lungo le persone più scolarizzate e con relazioni sociali più intense. “Quando si parla di longevità bisogna evitare l’equivoco di confonderla sic et simpliciter con la vecchiaia”.TecnologiaNel 2020 un chip sarà piccolo quasi quanto un neurone umano e la sua potenza supererà un miliardo di transistor. Tra meno di dieci anni dovremmo imparare a familiarizzare anche con una nuova generazione di robot, macchine sempre più umanizzate. “Grazie all’informatica affettiva – dice – i robot saranno dotati di empatia”.EconomiaL’Europa conserverà un primato ma dovrà cedere parte della sua ricchezza, le banche più importanti del mondo saranno in Cina e tornerà in auge il Mediterraneo. Queste alcune delle novità riservate dai prossimi anni. “Nel 2020 il Pil pro-capite nel mondo sarà di 15.000 dollari, contro gli attuali 8.000, ma l’Occidente – osserva il sociologo – avrà ridotto del 15 per cento il proprio potere d’acquisto”.LavoroLa chiave di volta del lavoro sarà la creatività. Nel 2020 i lavori manuali e quelli esecutivi saranno assorbiti dalle macchine o affidati a immigrati. “I creativi – osserva de Masi – occuperanno la parte centrale del mercato, più del 30 per cento, più garantita e meglio retribuita”.AndroginiaIl mondo sarà sempre più rosa. Nel 2020 le donne vivranno tre anni più degli uomini. Il 60 per cento degli studenti universitari, dei laureati e dei possessori di master saranno donne. Molte donne sposeranno un uomo più giovane di loro, molte avranno un figlio senza avere un marito.Etica“Se vorremo avere successo, ci toccherà essere galantuomini”. Così il sociologo riassume le trasformazioni che più incideranno sulle prassi nei prossimi anni. “Nel 2020 il 70 per cento dei lavoratori – dice – lavorerà nel settore terziario, dove il vantaggio competitivo dipende dall’affidabilità delle prestazioni. Dunque la società postindustriale sarà più onesta e trasparente di quella industriale”.CulturaNel 2020 la cultura digitale soppianterà quella analogica e l’istruzione sarà intesa come formazione permanente. In passato ha dominato il modello di una produzione intellettuale di pochi per pochi, coi media siamo passati a una produzione di pochi per molti, mentre oggi siamo di fronte a una produzione di molti per molti.“Dobbiamo tener presenti questi trend – conclude – per avere un quadro del 2020 e quindi incidere con le scelte che facciamo oggi”. [Fonte: Il Denaro]