Ricerca immobili

newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle notizie

dal mondo immobiliare.

il mercato immobiliare

21/05/2010

Secondo l’Istat il calo interessa in particolare appartamenti (AGI) - Roma, 9 apr. - Nel terzo trimestre 2009, a livello nazionale, le convenzioni relative a compravendite di unita’ immobiliari sono pari a 174.800, in calo del 10,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Lo comunica l’Istat.  Di queste, 162.514 (93%) riguardano immobili ad uso abitazione ed accessori, 10.924 (6,2%) unita’ immobiliari ad uso economico.  Considerando la tipologia di utilizzo, sono le compravendite di immobili ad uso economico, con un tasso tendenziale del -15,9%, a registrare la flessione maggiore, mentre le compravendite di immobili ad uso residenziale si riducono del 10,1%. "Questo diverso andamento delle due categorie di immobili ha caratterizzato anche i primi due trimestri del 2009 e puo’ essere spiegato con il fatto che le compravendite del settore immobiliare ad uso economico, a differenza delle altre, risentono probabilmente in misura maggiore della congiuntura economica", spiega l’Istat. Nel terzo trimestre 2009 le compravendite di unita’ immobiliari calano meno nel Sud e nelle Isole (rispettivamente -5,7% e -4%). Il Centro (-10,7%) rimane sostanzialmente in linea con il dato nazionale, mentre il Nord-ovest e il Nord-est si caratterizzano per le contrazioni tendenziali piu’ significative, pari rispettivamente al -13,7 e al -12,4%.  Questo andamento e’ generalmente comune sia alle compravendite di unita’ immobiliari ad uso abitazione, sia a quelle ad uso economico. Come per i primi due trimestri del 2009, anche nel terzo trimestre le compravendite di unita’ immobiliari ad uso economico degli archivi notarili aventi sede nelle citta’ metropolitane mostrano una diminuzione tendenziale leggermente superiore (-16,2%) rispetto a quella registrata nei restanti archivi distrettuali (-15,7$). (AGI) .