Ricerca immobili

newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle notizie

dal mondo immobiliare.

La Ripartizione delle spese condominiali

02/06/2013

 La Ripartizione delle spese condominialiGeneralità    Gli articoli 1101 e 1104 C.c., relativi alla comunione, stabiliscono che la ripartizione delle spese si determina unicamente in proporzione delle quote.Il sistema dettato dall’art. 1123 per il condominio è più articolato, in quanto, se il primo comma stabilisce un criterio analogo a quello della comunione, il secondo comma dà rilievo proprio al reale servizio ed uso, in rapporto alle singole quote. Il criterio dell’effettiva destinazione costituisce il contenuto principale della norma, mentre l’asserzione, di cui al primo comma, vale ad stabilire una presunzione di parità tra valore delle quote ed uso. La ripartizione delle spese nell’ambito condominiale è disciplinata dagli articoli 1123-1124-1125 e 1126 C.c. La materia disciplina le spese per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle parti comuni e per la gestione dei servizi comuni. Restano escluse le spese che si riferiscono unicamente alle unità immobiliari di proprietà esclusiva. Soggetti obbligatiL’obbligato al pagamento si identifica in colui che partecipa, a qualsiasi titolo, al rapporto condominiale.L’art. 63 disp. att. C.c. dispone, per quanto riguarda il successore a titolo particolare, che chi subentra nei diritti di un condomino è obbligato, solidalmente con questi, al pagamento dei contributi relativi all’anno in corso ed a quello precedente.I rapporti tra conduttore e locatore restano un fatto interno, non rilevante nei confronti del condominio, per il quale, obbligato resta sempre il proprietario.Natura dell’obbligazioneL’obbligazione prevista dall’art. 1123 C.c. si qualifica come obbligazione propter rem, poiché l’obbligo di ciascun condomino deriva dalla sua partecipazione al condominio e dalla titolarità del diritto reale sull’immobile.Momento in cui l’obbligazione sorgeL’obbligo sorge nel momento in cui la ripartizione della spesa viene approvata dall’assemblea.L’obbligo, nel caso di successione nel diritto, nasce nel momento in cui viene acquisita la qualità di condomino. Per tale acquisizione, è sufficiente la redazione di una scrittura privata, non occorrendo né l’atto pubblico, né la trascrizione. È necessario altresì che del trasferimento della proprietà venga avvertito, in qualsiasi modo idoneo, il condominio.La derogabilità dell’art. 1123 ha origine da quanto previsto dall’art. 1138 ed è esplicitamente stabilita dal primo comma dell’art. 1123 stesso. Tale derogabilità concerne sia il criterio di proporzione tra quote e spese, sia la regola di ripartizione in rapporto all’uso (di cui al secondo comma).La convenzione che determina la deroga deve consistere in un atto sottoscritto da tutti i condomini interessati. Essa può essere contenuta in una delibera assembleare approvata da tutti i condomini In mancanza dell’unanimità, la delibera assembleare che introduca deroghe ai criteri di ripartizione delle spese, incidendo sui diritti individuali del singolo condomino, è inefficace nei confronti del dissenziente, per nullità radicale deducibile senza limitazioni di tempo.Cose destinate a servire i condomini in misura diversa (secondo comma dell’art. 1123 C.c.)L’espressione «in misura diversa» non si riferisce alla diversità delle quote, ma alla possibilità che uso e godimento siano diversi, per i singoli condomini, a prescindere dall’entità delle quote, a causa di fatti evidenti in base alla struttura del bene ed alla destinazione di esso, quale risulta dallo stato dei luoghi.In tali situazioni, vale a dire allorché la misura della possibilità d’uso sia diversa, il criterio di legge per la ripartizione delle spese è quello di cui al secondo comma dell’art. 1123.Il secondo comma dell’art. 1123 non comporta solo la possibilità di una diversa misura di contribuzione, ma anche quella del totale esonero di uno o più condomini dalle spese per un particolare uso o servizio.Pluralità di cose, opere ed impianti (terzo comma dell’art. 1123 C.c.)Il terzo comma dell’art. 1123 C.c. sviluppa il principio stabilito dal comma precedente, prevedendo l’ipotesi di opere o impianti destinati a servire, non i singoli condomini in modo differente, ma parti autonome dell’edificio in modo esclusivo.L’elencazione del codice non deve considerarsi tassativa, bensì esemplificativa, con la conseguenza che la relativa disciplina si applicherà tutte le volte che un bene o servizio siano destinati a servire solo una parte del condominio Manutenzione e ricostruzione delle scale (art. 1124 C.c.)La norma in esame è derogabileLa disposizione dell’art. 1124 C.c. è conseguenza del principio dell’art. 1123/2, in quanto tiene conto del differente uso del bene comune da parte dei condomini proprietari dei diversi piani.Essa contempera tale principio con la circostanza che la scala, nella sua interezza, appartiene a tutti i condomini e vuole evitare le conseguenze non eque dell’integrale riferimento alla destinazione, che si verificavano, in danno dei proprietari dei piani più alti.L’art. 1124, nel prevedere una formula fissa (metà in ragione del valore e metà in misura proporzionale all’altezza), adotta una soluzione idonea a risolvere il problema della difficoltà di calcolare, in concreto, la differente utilità per i proprietari dei piani.Soffitti e solai (art. 1125 C.c.)L’art. 1125 C.c. stabilisce che le spese per la manutenzione dei soffitti, delle volte e dei solai sono sostenute in parti uguali dai proprietari l’uno all’altro sovrastanti. Tale norma determina una presunzione assoluta di comunione delle opere che servono a dividere orizzontalmente le due proprietà.Nel concetto di volte, soffitti e solai rientra tutto ciò che divide orizzontalmente le due proprietà e si trova stabilmente tra esse, con funzione di sostegno e copertura. Restano escluse quelle parti che adempiono a funzioni meramente estetiche o ornamentali L’art. 1125 C.c., secondo il quale le spese per la manutenzione e ricostruzione dei soffitti, delle volte e dei solai sono sostenute in parti uguali dai proprietari dei due piani l’uno all’altro sovrastanti, costituisce norma derogabile dall’autonomia privata, sicché i condomini interessati ben possono addivenire ad un accordo sul loro rispettivo diritto e determinare convenzionalmente chi debba sostenere la spesa.Lastrici solari di uso esclusivo (art. 1126 C.c.)L’art. 1126 prevede l’ipotesi che il lastrico solare non sia utilizzato da tutti i condomini, bensì sia nella disponibilità solo di uno o alcuni di essi.Per tale situazione viene previsto un criterio di ripartizione delle spese che, in deroga a quanto stabilito dall’art. 1123, pone le somma necessarie a carico, per un terzo dei condomini che hanno in uso il lastrico e per due terzi degli altri (a seconda dei casi, tutti i condomini, oppure coloro cui il lastrico fornisce copertura).La ratio della norma consiste nel fatto che il carattere comune del lastrico solare, collegato alla funzione di copertura dell’edificio, non può venir meno. Ai fini dell’applicazione dell’art. 1126 C.c., all’ipotesi di lastrici solari di uso esclusivo deve essere equiparata quella di lastrici in proprietà esclusiva.Poiché l’art. 1126 non è richiamato dall’art. 1138 C.c., esso può essere derogato dal regolamento di condominio, che può stabilire di ripartire le spese in proporzione del valore millesimale degli appartamenti.Conclusioni - Carente prestazione del servizio comune.In deroga alla volontà del promotore di questo manuale (di evitare un’elencazione di sentenze) ritengo fondamentale riportare una massima di sentenza della Cassazione a Sezione Unite in cui si evince che l’obbligo di contribuire alle spese comuni sussiste anche nel caso di carente prestazione del servizio comune.’interesse comune e alle innovazioni deliberate dalla maggioranza trova la sua fonte nella comproprietà delle parti comuni dell’edificio (art. 1123 comma 1 c.c.); ’impianto centralizzato di riscaldamento non eroghi sufficiente calore non può giustificare un esonero dal , neanche per le sole spese di esercizio dell’impianto, dato che il condomino non è titolare, nei confronti del condominio, di un diritto di natura , quindi, non può sottrarsi dal contribuire alle spese allegando la mancata o insufficiente erogazione del servizio.( Cass. Sezioni Unite n. / 96 )

fontewww.condominio.com