Ricerca immobili

newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle notizie

dal mondo immobiliare.

Palazzo Pandola a Napoli, il set preferito dai registi

24/03/2018

Nel cuore del centro storico di Napoli, esattamente in Piazza del Gesù Nuovo n 33 - proprio di fronte al guglia barocca dell'Immacolata – c'è un antico palazzo monumentale, intriso di arte, storia e tanto cinema.

Palazzo Pandola: la storia

L’edificio, in origine parte integrante di Palazzo Pignatelli di Monteleone, venne acquistato nel 182 da Gaetano Pandola, e adibito a residenza. La facciata subì alcune modifiche, come la costruzione di balconi, di un cornicione e un portale avanzato.Al pari di altri palazzi monumentali di Napoli, anche Palazzo Pandola presenta al suo interno un’imponente scala aperta settecentesca ornata con decorazioni pittoriche.

In seguito, grazie all'operato di Gaetano Pandola e dei suoi figli, il palazzo divenne un rifugio per alcuni ricercati politici tra cui Carlo Poerio, condannato all’ergastolo per aver preso parte ai moti rivoluzionari del 1848, e Guglielmo Oberdan, il famoso rivoluzionario direttore del giornale Pro Patria, ricercato per aver disertato dall'esercito, e per aver dopo aver disertato dall’esercito, e decapitato nel 1882 in seguito al fallimento del suo attentato nei confronti dell’imperatore austriaco Francesco Giuseppe. Ad oggi è possibile ammirare una lapide apposta sul lato dell'ingresso del Palazzo, che lo ricorda.

Palazzo Pandola a Napoli, il set cinematografico per eccellenza

Palazzo Pandola è una delle location preferite dai registi, che decidono di girare i loro lavori in quel di Napoli.

Sicuramente la “disponibilità” del palazzo, così come la splendida vista su Piazza del Gesù, hanno giocato un ruolo importante nella scelta dei registi, che hanno fatto di che la lista delle pellicole girate all'interno dell'edificio crescesse quasi a dismisura. I giocatori, uno degli episodi dell’Oro di Napoli(1954), Matrimonio all’italiana (1964) dove, l'interno del palazzo e la relativa vista su Piazza del Gesu, fecero da scenario per la casa di Filumena Marturano, quasi tutti i registi che sono passati per la capitale partenopea hanno deciso di fare tappa in quel particolare edificio. 

Ultimo fra questi è stato Giacomo Campiotti , il regista della mini serie televisiva Giuseppe Moscati del 2007, che ha scelto proprio Palazzo Pandola come set per l'abitazione del famoso medico.