Ricerca immobili

newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle notizie

dal mondo immobiliare.

QUOTAZIONI IMMOBILIARI NAPOLI

09/07/2012

«La crisi economica è grave, ma ne usciremo»di Giuseppe Di StefanoNAPOLI. 6 luglio 2012 – Un incontro intenso e produttivo il convegno “Andamento del mercato immobiliare residenziale di Napoli e provincia nel secondo semestre 2011 e nel primo semestre 2012” che si è tenuto ieri all’hotel Alabardieri di Napoli. Al centro dei lavori la presentazione della rivista semestrale “Quotazioni Immobiliari”, avvenuta alla presenza di rappresentanti dell’Agenzia del Territorio e delle maggiori sigle di associazioni di categoriadegli agenti immobiliari. Tra il pubblico in sala, alcuni esponenti di spicco del settore, che a margine dei lavori hanno arricchito i contenuti della conferenza con le loro esperienze sul campo. «Napoli è una delle città che ha perso meno – taglia corto Michele Nazzaro, dell’Area Manager di Gabetti Franchising – capovolgendo la situazione dello scorso anno. Qui come in tutto il Mezzogiorno – continua Nazzaro – la forbice tra domanda e offerta è troppo ampia». È questo il punto nevralgico che causa lo stallo del mercato, insomma, ma è proprio qui che deve intervenire la professionalità dell’agente immobiliare «Se l’agente immobiliare difende la propria professione – incalza l’immobiliarista - riuscendo a dare all’immobile il giusto prezzo, allora questa forbice si restringe ad una percentuale che si aggira intorno al 10%. Esiste una resistenza ad adeguare al ribasso i prezzi, ma tutto sta – spiega Michele Nazzaro – nella capacità dell’agente di tirar fuori le motivazioni che spingono chi vende. Certo la crisi c’è – conclude - l’erogazione dei finanziamenti è il nodo della questione, e senza credito domanda e offerta resteranno lontane». Anche Ferdinando Elefante, Franchising Manager di Professionecasa Campania, difende la professionalità della categoria. «Delle 600mila trattative effettuate nel corso del secondo semestre 2011, un buon 50% sono state effettuate da privati, ma questo non deve essere visto come un dato positivo – afferma Elefante - deve bensì farci riflettere. Attraverso l’agente immobiliare – spiega l’immobiliarista di Professionecasa - la compravendita non solo può essere seguita, ma anche tutelata. A maggior ragione, in un frangente in cui il mercato è molto riflessivo – chiosa Ferdinando Elefante - credo che la figura dell’agente immobiliare sia un’asse portante». Una professionalità, dunque, che può aiutare ad uscire dall’impasse del mercato, tramite una lucida comprensione del settore che gli utenti spesso non hanno. «Il mercato immobiliare nell’ultimo semestre ha subito un ribasso sicuramente maggiore e forse anche più veloce rispetto a quello che è stato l’andamento degli ultimi tre anni – afferma serafico Stefano Mazza, amministratore delegato di Leonardo Immobiliare – inoltre alla riduzione delle compravendite si è accompagnata una riduzione dei prezzi in media nell’ordine del 10%. In più c’è da dire che i valori non si possono osservare nell’immediato – spiega Mazza - se ad esempio si è acquistato ad ottobre 2011 per poi registrare nel semestre 2012: io purtroppo prevedo che gli effetti reali della congiuntura attuale si vedranno nel secondo semestre, e saranno catastrofici». Un crudo realismo che però l’immobiliarista non ritiene irreversibile «La stasi è dovuta più che alla stretta del credito, al “terrorismo psicologico” che ha riguardato il reparto finanziario e non solo – spiega Mazza - negli ultimi mesi ho notato una sorta di disfattismo anche da parte di clienti, ad esempio impiegati comunali che sono profili graditi dalle banche, che rinunciavano in partenza a chiedere un mutuo pensando che non gli sarebbe stato concesso. Anche questo influisce negativamente sul mercato». In questo contesto si inserisce l’importanza di una pubblicazione come “Quotazioni Immobiliari”. «I colleghi hanno dichiarato che lo terranno sempre in borsa o sulla scrivania? Non mi sorprende – conclude Stefano Mazza - Noi agenti immobiliari sfruttiamo ormai da anni lo strumento di questa rivista, utile come supporto cartaceo sia con chi vuol vendere che con chi intende acquistare. Spesso si parla di valori, di metri quadri, però “Quotazioni” riesce davvero a far comprendere come si arriva a certi numeri, a certi dati». Un supporto e uno strumento importante, insomma, per una figura quanto mai nevralgica che si propone di dare una scossa a un mercato sempre più congestionato.. FONTE : Immobilnews.it