Ricerca immobili

newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle notizie

dal mondo immobiliare.

Via Alessandro Scarlatti, da stradina a corso principale del Vomero

22/06/2017

Via Alessandro Scarlatti è una delle strade più famose di Napoli. Tracciata nel 1887, in seguito al piano di ampliamento e risanamento della città che ha portato anche alla nascita del "Rettifilo", la strada è ad oggi il cuore commerciale del quartiere Vomero.

Percorriamo insieme la sua storia. 

Alessandro Scarlatti e la scuola di musica napoletana

Alessandro Scarlatti fu un compositore di musica barocca nato nel 1660 a Palermo, che si è guadagnato il diritto di avere una strada a lui dedicata visto il ruolo che ha giocato nella fondazione della scuola musicale napoletana, cosa che lo portò a morire a Napoli nel 1725. Tale scuola, probabilmente la più longeva tra quelle italiane, rappresentò uno dei punti di riferimento accademico per i musicisti di epoca barocca e, nel XVIII secolo, portò alla nascita dell'opera comica e buffa, contribuendo a rendere famosa nel mondo la città. 

Napoli divenne così una tappa obbligata per tutti i giovani compositori d'Europa, che volevano perfezionare la loro tecnica. In seguito all'enorme importanza acquisita da questo nuovo genere - che ebbe tra i suoi maggior esponenti oltre ad Alessandro Scarlatti anche Domenico Cimarosa e Francesco Provenzale - venne costruito il Real teatro di San Carlo, che divenne il palcoscenico di tutti i più grandi compositori dell'epoca. 

Via Alessandro Scarlatti ieri e oggi

Come accennato in precedenza via Alessandro Scarlatti vide la luce nel 1887, in seguito al Piano di ampiamento e risanamento della città, che portò anche alla nascita anche di piazza Vanvitelli. La strada, fu progettata al fine di diventare l'asse viaria principale del quartiere Vomero, che sarà poi ampliato negli anni cinquanta del XX secolo, con la costruzione di via Cilea. 

Successivamente al crollo avvenuto negli anni '70, alcuni edifici ottocenteschi - costruiti in stile più modesto rispetto a quelli edificati al Corso Umberto I appartanente allo stesso progetto -  furono sostituiti con costruzioni moderne, tra cui il palazzo della Benetton e la Galleria Scarlatti, che ancora oggi rappresentano due delle più importanti attrattive commerciali del quartiere. 

Alla metà degli anni novanta via Scarlatti venne pedonalizzata, dando vita ad una forte opposizione dei commercianti della zona, convinti che il provvedimento penalizzasse le loro attività. Con il tempo però, questa si è invece rivelata essere una scelta vincente, e ad oggi, non solo gli edifici urbani e i negozi sono stati fortemente rivalutati, ma la zona è divenuta anche il punto focale per lo "shopping di lusso", che attrae a se costantemente volti noti dello sport e della televisione.