Ricerca immobili

newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle notizie

dal mondo immobiliare.

Via del Sole a Napoli e la leggenda dei templi agli dei

21/02/2018

Oggi città ha il suo sistema stradale: Napoli ha un vero e proprio apparato circolatorio, che fa del centro della città il suo cuore pulsante. Se infatti, da un lato le grande strade rappresentano le arterie, vitali per i grandi spostamenti in auto o con i mezzi, dall'altro, i cosiddetti “vicarielli” sono una risorsa insostituibile, quando si tratta di raggiungere alcune zone del centro storico di ogni quartiere. Culla di tesori e di antiche leggende, i vicoletti di Napoli rappresentano una delle mete preferite da turisti, che si aggirano per la città in cerca di segreti e curiosità, che di certo non mancano alla capitale partenopea.

Una di queste famosee curiosità riguarda  le numerosi voci che circolano intorno a via del Sole: una spoglia stradina che costeggiata dal cancello del vecchio Policlinico, si arrampica a partire da via dei Tribunali su di un ripido pendio.

Via del Sole a Napoli, la casa degli antichi dei.

A vederla, via del Sole non sembra nulla di speciale: pochi palazzi di rilevanza storica, nessuna decorazione particolare, nessun negozio, tutte “assenze” che hanno portato in secondo piano la sua antica storia. Prima di tutto, bisogna ricordare che proprio nella via ebbe sede, dal 1833, la prima caserma dei pompieri dell'Italia preunitaria, istituita niente di meno che Napoleone Bonaparte in persona, nel 1806. E ancora, la via è legata a doppio filo all'antica storia di Napoli tramite il suo particolare nome.

Stando a quanto sostenuto dallo studioso Giovanni Attinà, ai tempi dell'antica Neapolis la via conduceva all'acropoli : il luogo in cui sorgevano i templi dedicati agli dei. Nel dettaglio, la via avrebbe sancito l'accesso al tempio di Helios, appunto il dio del sole. Stando ad alcune voci invece, ai tempi dei romani questi avrebbero eretto un tempio dedicato ad Apollo ( versione latina di Helios) dove ora sorge la Basilica di Santa Restituta, su via Duomo.

Già a quei tempi la via era detta “vicus solis” proprio per la presenza di tale costruzione.